Vai al contenuto

Disastro Ischia, chi sono le 7 vittime della tragedia

Tutte le 7 vittime della tragedia di Ischia, che ha lasciato tutti attoniti, sono state identificate. Un’ottava vittima è stata recuperata poche ore fa, facendo scendere a 4 il numero dei dispersi.

L’ondata che si è abbattuta sull’isola ha trascinato nella sua piena case, auto, inghiottendo tutto nel buio nero. Ancora 4 i dispersi, e mano a mano che passano le ore, le speranze si fanno più flebili.

Le vittime accertate: chi sono

La prima ad essere trovata dai soccorritori è stata Eleonora Sirabella, 31 anni. La donna aveva chiamato il padre in preda al terrore, pregandolo di venirla a prendere: “Qui trema tutto, ho paura”. L’uomo era in auto col figlio, ma non ha fatto in tempo a trarla in salvo.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Poi, sono stati trovati senza vita Maurizio Scotto Di Minico, 32 anni, la moglie Giovanna Mazzella, 30 anni, e il loro figlio Giovangiuseppe, nato lo scorso 4 novembre, aveva appena 22 giorni di vita.

Tra le vittime, anche altri 2 bambini, si tratta di Francesco Monti, 11 anni, e la sorellina Maria Teresa Monti, 6 anni: i due sono figli di due dispersi, insieme a un terzo figlio.

Trovata senza vita anche Nikolinca Gancheva Blagova, 58enne di nazionalità bulgara.

Il prefetto: “Prioritario individuare zona rossa”

“Ora è prioritaria l’individuazione della zona rossa. Abbiamo individuato per gli sfollati delle situazioni di prima sistemazione ma è chiaro che, quando sarà individuata la zona rossa, dovremo trovare altri tipi di soluzione”, così ha detto il prefetto di Napoli Claudio Palomba.

Continua dopo gli annunci...

“La prima cosa che abbiamo determinato – ha spiegato Palomba – è che si faccia rapidamente la perimetrazione, perché la zona venga delimitata e chiusa. Ci stiamo già preoccupando degli sfollati che sono aumentati ulteriormente a 230, dovremo trovare soluzioni. Tra i 230 ci sono anche qui dei bambini. Nei prossimi giorni ci occuperemo anche di questo“.

Autore

Lascia un commento