Vai al contenuto

Christian Di Martino, poliziotto ferito e il cognato difensore dell’Inter

Cristian Di Martino

Visite e regalo speciale per Christian Di Martino

Christian Di Martino, il poliziotto ferito gravemente alla Stazione di Lambrate, è stato estubato, respira autonomamente e riesce a rispondere alle domande. Le condizioni sono stabili presso l’ospedale di Niguarda dove è ricoverato. Vigile e sveglio è ancora sotto osservazione e riceve visite anche da colleghi e parenti. Tra questi, legame speciale con l’Inter, Federico Dimarco, difensore neroazzurro, è il cognato.

Il calciatore è sposato con la sorella della fidanzata del vicequestore. Nella giornata di ieri, Di Martino, riceve una maglia autografata da tutti i giocatori della squadra. Dimarco, intanto, ha rilasciato questa dichiarazione a Il Giorno “da quando è successo sono andato a trovarlo tutti i giorni, era normale che lo facessi visto che è un membro della famiglia“.

Matteo Piantedosi e Ignazio La Russa, dichiarazioni e visita presso il Niguarda

Dimarco, Inter
Foto di X, Coppa Italia 2022

Insieme al cognato, anche famigliari e colleghi, anche le istituzioni hanno espresso la loro vicinanza raccontando questi giorni di tensione per lo stato di salute di Christian Di Martino.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Matteo Piantedosi, Ministro dell’Interno, si è recato all’ospedale Niguarda per visitare il poliziotto ferito. “Sentivamo il dovere di venire a portare la nostra vicinanza alla famiglia, ma abbiamo avuto anche l’opportunità di vedere il ragazzo. Incrociamo le dita e ci compiacciamo dei progressi che sta facendo. Gli abbiamo espresso gratitudine per quello che ha fatto e come lo ha fatto. Ci vedremo più in là, quando starà meglio, non abbiamo voluto affaticarlo – ha proseguito il ministro riferendosi a quanto accaduto – gli abbiamo detto solo grazie, eravamo qui per dirgli grazie e per dargli la nostra vicinanza. Ho incontrato i suoi genitori, è importante che gli stiano vicino“.

Sono andati a trovarlo anche l’assessore regionale della Lombardia al Welfare Guido Bertolaso e il presidente del Senato Ignazio La Russa. “Christian ha davvero una tempra fortissima e gli auguro che possa riprendersi pienamente il prima possibile. Gli operatori del 118 e i sanitari di Niguarda hanno fatto un lavoro incredibile per salvargli la vita, a loro va, ancora una volta, un grandissimo ringraziamento” ha detto Bertolaso.

Il ragazzo sta molto meglio, è in ripresa anche se è stato veramente in bilico tra la vita e la morte e devo dire che è rimasto dalla parte della vita grazie alla capacità della struttura del Niguarda, a partire dall’ambulanza che è arrivata in sette minuti, all’avvio delle operazioni qua, dopo solo 40 minuti, dopo che era stato già trattato sul posto. Mi ha detto che conta di farcela presto a tornare come prima. Speriamo che questo sia completamente possibile, per adesso mi accontento che torni presto fuori dall’ospedale” ha dichiarato La Russa che ha anche scherzato sulla parentela con il giocatore dell’Inter.

Christian Di Martino, la famiglia cresciuta a pane e Polizia di Stato

Christian Di Martino è nato ad Ischia, in famiglia è cresciuto tra poliziotti, ha seguito le orme del padre, ispettore in pensione. Un collega ha definito Christian uno dei pochi giovani disposto a lavorare per strada. Prima di arrivare a Milano, ha trascorso due anni nell’ex base Nato di Bagnoli. A Milano, è stato in servizio presso Sesto San Giovanni e Monforte Vittoria. Su prima linea delle volanti, Di Martino è stato promosso a viceispettore dopo il concorso.

Christian Di Martino, lo scorso mercoledì, è stato chiamato d’urgenza per fermare un uomo di origine marocchina e destinatario di un decreto di espulsione. Il suo nome è Hasan Hamis ora in carcere e ritenuto dalla Procura persona pericolosa da rimettere in strada. Il ferimento del poliziotto avviene durante un corpo a corpo, prima Di Martino ha provato a bloccarlo con il teaser ma il giubbotto ha protetto l’aggressore. Nel confronto diretto, ha tirato fuori un coltello con lama di dieci centimetri che si è rivelato letale, l’agente è giunto al Niguarda in fin di vita. Adesso, la fotografia pubblicata da Il Giorno, mostrano Di Martino in ripresa.