Vai al contenuto

Chuck Schumer, Usa: la morte di Navalny spinge ad un’ulteriore richiesta di fondi per l’Ucraina

Chuck Schumer
Fonte: Wikimedia

Chuck Schumer spinge ad aiuti esteri più consistenti per l’Ucraina: “Putin ci sta osservando”

Il senatore Chuck Schumer spinge sull’approvazione di un nuovo piano di aiuti all’Ucraina dopo la morte di Navalny e lo fa anche per un motivo strategico.

Sul suo profilo social scrive “La morte di Alexei Navalny in una prigione russa suona un campanello d’allarme urgente che chiede alla Camera di approvare la legge sulla sicurezza nazionale bipartisan approvata dal Senato che contiene un aiuto urgente per l’Ucraina“. E poi, spiega mentre sono seduto un nuovo piano di aiuti esteri a Johnson, Putin aspetta di vedere gli Stati Uniti come agiranno.

Domenica mattina, il leader della maggioranza al Senato ha sollecitato il presidente Mike Johnson e i Repubblicani della Camera a votare un disegno di legge sugli aiuti esteri, consapevole delle probabili opposizioni da parte di Donald Trump, come accaduto in passato.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Chuck Schumer ha espresso preoccupazione riguardo alla mancata azione dopo che il Senato ha approvato il supplemento sulla sicurezza nazionale, sottolineando l’importanza di agire urgentemente in seguito alla morte del principale oppositore politico di Putin, come evidenziato nella nota scritta. La mossa di Schumer è stata motivata anche dalla telefonata di Joe Biden con Zelensky.

Il senatore ha evidenziato un legame diretto tra il ritiro dell’Ucraina da Avdiivka e il fallimento del Congresso nel concedere ulteriori aiuti per contrastare l’invasione russa. Prima di tutti, Biden ha incolpato il Congresso di inerzia nel conflitto ucraino russo, gli aiuti esteri sono importanti o quanto meno una presenza costante.

Che cosa comporta la morte di Alexei Navalny per Chuck Schumer e non solo?

U.S. President Joe Bi

Putin osserva attentamente e attende le mosse degli Stati Uniti, come descritto dal senatore Chuck Schumer. Egli sottolinea che la recente e tragica morte di Navalny rende ancora più urgente l’approvazione del National Security Supplemental da parte del presidente della Camera, Johnson.

Questo disegno di legge bipartisan, attualmente sotto esame del presidente Johnson, è il risultato di un’iniziativa che ha visto il sostegno di Mitch McConnell, leader di minoranza, e altri 21 repubblicani, nonostante le pesanti critiche di Donald Trump. L’ex presidente auspicava un accordo combinato di aiuti esteri più bipartisan, specialmente per quanto riguarda i confini.

Il disegno di legge approvato dalla commissione per gli stanziamenti del Senato include diverse voci di fondamentale importanza: 60 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina nella sua lotta contro la Russia, 14,1 miliardi di dollari in assistenza per la sicurezza a Israele, 9,2 miliardi di dollari in assistenza umanitaria e 4,8 miliardi di dollari per sostenere i partner regionali nell’Indo-Pacifico.

Le dichiarazioni di Zelensky, sostenuto da Biden, e di Chuck Schumer evidenziano l’urgenza di ulteriori aiuti. Il presidente dell’Ucraina avverte che i dittatori non si prendono pause e che l’aggressione nemica non si placa per questioni procedurali. Schumer, d’altro canto, mette in guardia sul fatto che un’eventuale esitazione del Congresso nel sostenere l’Ucraina farebbe solo il gioco di Putin, un risultato che il mondo intero ricorderà.

Intanto Yulia Navalnaya, dichiara l’impegno anti Putin con queste parole

Navalnaya, 47 anni, condivide il desiderio del marito per una Russia libera, pacifica e prospera. Ha espresso il suo impegno per continuare il lavoro di Navalny attraverso un video su Youtube, sottolineando che Putin non ha solo privato il mondo di Alexei Navalny, ma ha cercato di soffocare la speranza, la libertà e il futuro del popolo russo. La mancanza di accesso al corpo di Navalny impedisce alla famiglia di vedere le prove delle lesioni e di comprendere le circostanze della sua morte.

Continua dopo gli annunci...
moglie Navalny

Navalnaya ha criticato aspramente Putin, descrivendo il suo gesto come vile e codardo, poiché non ha avuto il coraggio di affrontare direttamente Navalny o di riconoscere la sua responsabilità. Le indagini internazionali hanno evidenziato la presenza di agenti dei servizi segreti russi, gli stessi implicati nel presunto avvelenamento di Navalny nel 2020. Navalnaya ha accusato il governo di mentire e nascondere la verità, suggerendo che possano essere coinvolti nel tentativo di insabbiare ulteriori prove di un altro attacco con Novichok. La sua determinazione nel portare avanti la causa di Navalny nonostante le minacce e le intimidazioni dimostra il suo coraggio e la sua determinazione nel perseguire la giustizia e la verità per il suo defunto marito.

Autore

Mi chiamo Iole Di Cristofalo e mi piace scrivere, svolgo come lavoro quella del web content editor, ho aggiornato le mie competenze imparando a creare video e grafiche online. In rete mi occupo di attualità, cronaca, scienze, ambiente e cultura, fotografia e video. Ultimi corsi professionali seguiti: comunicazione multimediale, web copywriting, scrittura d'impresa.View Author posts

Lascia un commento