Vai al contenuto

Bombe nella notte su Kharkiv e Odessa

bombe su odessa

Un’ondata di bombe ha colpito i territori di Kharkiv e la parte al sud di Odessa. Una delle bombe ha colpito la centrale elettrica, comportando un arresto dell’energia elettrica in svariate parti del paese, tra cui Kiev.

Dove sono cadute le bombe

Durante la notte la Russia ha attaccato 15 parti diverse della regione di Odessa e Kharkiv, rispettivamente nella meridionale e orientale del Paese. Gli attacchi avevano come obiettivo le infrastrutture critiche tra cui la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Ciò ha provocato danni agli edifici residenziali, oltre alla mancanza di energia per molti ucraini, tra cui il 40% degli abitanti di Kiev che sono quindi stati al freddo e senza luce. Il governatore della regione di Khmelnytskyi, Segiy Gamaliy, ha raccomandato agli abitanti di restare nei rifugi e di non uscire nelle prossime ore. Gli attacchi, per fortuna, non hanno lasciato vittime in queste aree ma alcune bombe sono sopraggiunte anche in zone molto lontane dalle linee del fronte come le città centrali di Dnipro, di Lutsk e Rivne. Altre infrastrutture critiche colpite sono state il porto di Odessa sul Mar Nero e la città di Kharkiv.

Le vittime

Il bollettino segnala 4 vittime a Leopoli, due uomini e due donne. Trattasi di quattro civili uccisi all’alba dopo un attacco missilistico dell’Ucraina occidentale. Un missile ha colpito la zona residenziale di Zolotshiv, radendo al suolo tre abitazioni. È proprio dalle macerie che sono stati tirate fuori le vittime e forse potrebbero esserci anche altre persone. Attualmente i soccorritori stanno ancora lavorando per accertarsi che non ci siano altri residenti al di sotto dei resti delle abitazioni.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

La situazione a Kiev

Molte esplosioni sono avvenute nella capitale a causa di un’ondata di bombardamenti a orari diversi: due persone sono rimaste ferite del quartiere di Svyatoshynsky. La mancanza di energia elettrica ha comportato un aumento dei disagi in quanto la temperatura attuale della città è di 4 gradi centigradi. La rete idrica, per fortuna, non ha subito rallentamenti e procede normalmente. Collegandosi sui propri social media, il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha dichiarato che le esplosioni hanno interessato in particolar modo il quartiere Holosiivskyi, perciò tutti i servizi si stanno concentrando in questa zona. Attualmente la centrale funziona con i generatori diesel e sono state interrotte anche le linee di comunicazione dalla centrale nucleare al sistema elettrico perciò si spera di risolvere la situazione quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *