Vai al contenuto

Blitz nel chietino in alcuni night club: tra i clienti anche un 80enne

scoperta macabra

Sono state identificate ed arrestate 73 persone, fra lavoratori e clienti di un night club. Una persona è stata denunciata a piede libero.

Questo sarebbe il bilancio dei controlli eseguiti in 4 locali e ina struttura ricettiva della provincia di Chieti.

Tutti i convolti ed i clienti avrebbero un’età tra i 60 ed i 70 anni, e una di loro risulterebbe agli arresti domiciliari.

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

Le indagini della questura

Gli agenti della squadra mobile della questura di Chieti hanno effettuato dei controlli per contrastare il fenomeno del lavoro illecito e dello sfruttamento degli immigrati, con particolare riferimento allo sfruttamento della prostituzione, sfruttamento sessuale, frode previdenziale ed accattonaggio forzato oltre che ad altre forme di lavoro illegale.

L’attività è stata svolta in sinergia con il personale dell’ufficio immigrazione, della divisione di polizia amministrativa, dei Commissariati di Lanciano e Vasto e dell’Ispettorato del lavoro di Chieti.

Giovanissime all’interno dei locali notturni

All’interno dei locali notturni trovate 34 ragazze straniere, tutte giovanissime e provenienti dall’est: Ucraina, Albania e Russia. Ai titolari comminate sanzioni amministrative da 18300 euro. Riscontrato anche impiego di personale non in regola con le norme in materia di lavoro.

All’interno dei locali notturni sono state trovate 34 entreneuse straniere tutte giovanissime provenienti in gran parte dall’Europa dell’est, in particole Ucraina, Albania e Russia. Ai titolari delle attività sono state contestate sanzioni amministrative per un totale di 18.300 euro essendo stato riscontrato l’impiego di personale non in regola con le norme in materia di lavoro.

Per tre delle attività controllate è stata anche disposta la sospensione temporanea.

La persona denunciata a piede libero era sottoposta alla detenzione domiciliare con obbligo di permanenza in casa ed è invece stata ritrovata in uno dei locali notturni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *