Vai al contenuto

Titanic, scomparso in mare batiscafo partito per visitare il relitto a 3.800 m di profondità

Titanic

Titanic, scomparso in mare batiscafo

Vi ricordate del famoso film Titanic, uscito nelle sale cinematografiche a gennaio del 1998? Tramite la storia romanzata con i personaggi di Jack e Rose, interpretati da Leonardo di Caprio e Kate Winslet rispettivamente, il film racconta la storia del naufragio della nave passeggeri Titanic, inabissatasi nelle prime ore del 15 aprile 1912, durante il suo viaggio inaugurale da Southampton (nel Regno Unito) a New York, a causa della collisione con un iceberg. Proprio recentemente è stato proiettato al cinema il remake, in versione 3D, anche se in botteghino non ha riscosso il successo mondiale della prima versione.

La locandina del film

Il relitto si trova nell’oceano Atlantico, al largo di Terranova, ad una profondità di 3.800 metri ed è possibile visitarlo. Proprio in una delle gite organizzate per i turisti è scomparso il batiscafo che si recava in fondo all’oceano con 5 persone a bordo per vedere il relitto. Come dire? Sarà vera la temuta maledizione del Titanic?

Anniversario della tragedia del Titanic: le 10 curiosità sulla nave

Iscriviti gratuitamente sul canale Telegram, cliccando qui

oppure su Whatsapp, cliccando qui per non perdere tutte le novità

La vera storia del Cuore dell’Oceano di Titanic

La OceanGate Expeditions e le gite nelle profondità dell’oceano

Una società denominata OceanGate Expeditions organizza gite guidate a bordo di un batiscafo per visitare ciò che resta della famosa nave. Il viaggio costa 250.000 euro e, pertanto, non è alla portata di tasca di chiunque. Tuttavia, il piccolo sommergibile Titan, nella flotta dell’azienda americana, è in grado di reggere il viaggio di andata e ritorno nelle profondità dell’Oceano. Il natante ha un’autonomia di 96 ore di ossigeno, tanto da consentire di effettuare il percorso in piena sicurezza. L’immersione dovrebbe avere una durata totale di 8 ore.

Per potere vedere da vicino il relitto, non basta essere facoltosi. Bisogna firmare una liberatoria e produrre molti documenti nei quali si esprime il consenso volontario e informato per intraprendere l’avventura. Il giornalista David Pogue ha compiuto tale esperienza per Cbs News la scorsa estate e racconta che:

Se tutto fosse andato bene, avrei trascorso circa 12 ore sigillato all’interno, durante un’immersione nel Titanic. Non mentirò, ero un po’ nervoso, soprattutto a causa delle scartoffie da firmare, che dicevano: ‘Questa nave sperimentale non è stata approvata o certificata da nessun organismo di regolamentazione e potrebbe provocare lesioni fisiche, traumi emotivi o morte’.

Il sommergibile Titan ha smesso di mandare segnali alla base dopo circa 2 ore dall’immersione

Domenica 18 di giugno il batiscafo è partito verso le profondità dell’oceano portando a bordo 5 persone; dopo un’ora e 45 minuti dall’immersione, di esso si è persa ogni traccia. Ed è partita l’allarme. Una vera corsa contro il tempo; per la Guardia Costiera di Boston e gli altri soccorritori ci sono poche speranze di rintracciare il batiscafo, dato che il raggio di ricerca è enorme e l’area coinvolta è remota rispetto alla costa.

Chi erano i passeggeri a bordo del Titan?

Il nome del sommergibile la dice tutta sul suo scopo; che sia in qualche maniera “imparentato” con la nave più famosa della storia non è un mistero. il sommergibile è piccolo e leggero. Riesce a contenere appena 5 persone. Secondo le indiscrezioni in questo viaggio sarebbero partiti assieme il miliardario britannico Hamish Harding, l’amministratore delegato di OceanGate Expeditions e il pilota francese Paul-Henry Nargeolet. Le altre due persone a bordo sarebbero il pilota e un assistente.

Paul-Henry Nargeolet

Secondil Guardian, Paul-Henry Nargeolet è un ex comandante di nave, sub di profondità e pilota di sommergibili. Direttore del gruppo di ricerca subacquea per E/M Group e RMS Titanic, Inc, Nargeolet è considerato la principale autorità sul sito del relitto.

Hamish Harding e le sue dichiarazioni prima della partenza

Hamish Harding nel 2022 andò nello spazio, prendendo parte al quinto volo commerciale di Blue Origin, la società spaziale di Jeff Bezos. E uno degli uomini più ricchi del Pakistan.

Hamish Harding

Hamish Harding

Harding aveva scritto sui social:Sono orgoglioso di annunciare che finalmente farò parte della missione che andrà a esplorare il relitto del Titanic“.

Il relitto del Titanic in fondo all’oceano

Quello del Titanic è uno dei più famosi incidenti navali di sempre. Nella tragedia persero la vita quasi 1.500 delle oltre 2.200 persone a bordo. Rose e Jack non hanno fatto altro che aggiungere quel pizzico di emozione a una storia drammatica che da sola e senza il loro supporto (di Di Caprio e Winslet) sarebbe rimasta sì, nella storia, ma sepolta come il relitto di tale nome.

Il relitto del Titanic

Il relitto del Titanic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *